GENITORI E NONNI

TRA AIUTI E CONFLITTI

Sempre più spesso accade che nella società di oggi marito e moglie, entrambi impegnati nel lavoro, riescano grazie all’aiuto dei nonni a far fronte alle molteplici necessità di cui li investe un figlio, prima fra tutte a chi lasciarlo quando entrambi sono a lavoro. Quella dei nonni è una figura di sempre maggior importanza che nel corso del tempo ha via via preso il posto, soprattutto per necessità, di quella di genitori o babysitter. Questo perché molte volte il lavoro dei genitori non permette loro di poter accudire i propri figli “a tempo pieno” e il costo di una persona che si prenda cura dei figli non sempre risulta facilmente sostenibile.

Se da un lato la presenza dei nonni è una risorsa preziosissima per la gestione della quotidianità familiare, dall’altro essa può creare dinamiche difficoltose o di conflitto che spesso genitori, nonni e nipoti non riescono a gestire.

Il rapporto che si crea tra nipoti e nonni è un legame profondo, equiparabile in termini di amore a quello dei genitori. Nel rapporto tra nonni e nipoti si crea quindi una relazione stretta, intima, divisa tra saggezza, sicurezza, spensieratezza e giocosità. I nonni non sgridano, non si arrabbiano, giocano volentieri, hanno spesso più pazienza dei genitori nell’ascoltare e nello stimolare i bambini nella ricerca di informazioni e nella crescita. Tutto questo porta a pensare all’enorme potenziale dei nonni nell’aiuto alla crescita dei bambini, per genitori che sempre più difficilmente riescono a barcamenarsi tra lavoro, famiglia, figli ed esigenze personali.

Il problema principale che si riscontra, quando i figli passano molte ore con i nonni, è la diversità di stili educativi che spesso porta a tensioni tra i membri della famiglia.

Diventa fondamentale per mantenere un equilibrio funzionale alla famiglia impostare correttamente il rapporto con i nonni e il modo migliore per far fronte alle piccole divergenze educative è provare a stilare alcune regole di base che vengano rispettate e seguite da tutti i membri adulti. Principi che per i genitori sono alla base delle loro scelte educative e che anche i nonni devono imparare a rispettare, mantenendole tali in ogni ambiente.

Dopo aver stabilito le regole essenziali,  è molto importante però che mamma e papà si sforzino a loro volta di mantenere un territorio neutro dove i nonni potranno sbizzarrirsi, magari permettendo al nipotino giochi ed attività che a casa sua, vuoi per mancanza di spazio o di tempo, gli son precluse. Serve elasticità da entrambe le parti, permettendo così una serena collaborazione che porterà al bimbo numerosi benefici, perché il nonno non è un semplice baby-sitter, ma una figura importante di cui il bambino serberà a lungo il ricordo, anche quando quest’ultimo non ci sarà più.

 
A cura della dott.ssa Alessandra Bertolotti.